“Metti la mascherina e stacci dentro”: la campagna per sensibilizzare i giovani all’uso della mascherina

“Metti la mascherina e stacci dentro”: la campagna per sensibilizzare i giovani all’uso della mascherina

Una campagna di sensibilizzazione e di informazione rivolta ai giovani sull’utilizzo della mascherina, per stimolare al massimo l’utilizzo del dispositivo affinché diventi parte dell’outfit quotidiano. È l’obiettivo della campagna “Metti la mascherina e stacci dentro” promossa dal Comune di Bologna, pensata e realizzata dall’area Educazione, istruzione e nuove generazioni, dall’Ufficio Giovani, dai servizi educativi e scolastici dei quartieri, dalle cooperative sociali “La Carovana” e “Open Group” del Consorzio ScuTer, rispettivamente gestori del servizio di Educativa di strada e dei Centri di Aggregazione giovanile, e dall’associazione “Oltre”.

La campagna vuole favorire negli adolescenti e giovani bolognesi una maggiore consapevolezza del rischio del contagio, invitando a rispettare le regole sull’uso della mascherina attraverso i loro linguaggi e la loro creatività. L’obiettivo finale è proprio agire sulle abitudini dei ragazzi cercando di abituarli a considerare la mascherina indispensabile da portare con sé, come il cellulare o le chiavi di casa. Non solo perché bisogna rispettare le misure in vigore, che rendono obbligatorio avere con sé la mascherina ovunque e indossarla se non si è isolati, ma per condividerne l’importanza preventiva e di contenimento del contagio.

“È il momento della responsabilità – afferma l’assessore alle Politiche per gli adolescenti, Elena Gaggioli – e i comportamenti dei singoli sono più che mai importanti. I ragazzi hanno dimostrato in queste settimane di ripresa della scuola grande senso di responsabilità: non è il momento di calare l’attenzione, anzi, è necessario aumentarla soprattutto nei momenti di svago e divertimento, per tutelare se stessi ma soprattutto le persone più fragili e a rischio. Tutto questo deve essere comunicato con il linguaggio dei ragazzi ed attraverso i loro strumenti. La campagna che promuoviamo raccoglie perfettamente questa missione”.

La prima fase del progetto è stata incentrata sull’ascolto, sia in presenza che attraverso i social, dei giovani coinvolti dagli operatori dei servizi educativi extrascolastici, con i quali sono state progettate le azioni: per esempio l’individuazione dello slogan della campagna e i laboratori itineranti di writing e di rap. Verrà realizzato anche un flyer da distribuire nei luoghi di ritrovo, saranno registrati podcast e si prevede anche un contest fotografico finalizzato a incentivare l’utilizzo della mascherina come “must have” del proprio abbigliamento quotidiano. Nelle scorse settimane inoltre i giovani coinvolti nel progetto durante un laboratorio realizzato al Pilastro dall’associazione “Oltre” hanno disegnato delle mascherine personalizzate che saranno utilizzate durante la campagna

redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: