Già da una settimana Tper ha riportato in strada le auto azzurre di Corrente al fianco dei volontari impegnati nell’emergenza coronavirus e ora raddoppia il proprio impegno, questa volta al fianco della Pubblica Assistenza Croce Italia ODV.

Tper, assieme al Consorzio Omnibus (di cui è capofila) che gestisce il servizio di Car sharing elettrico, ha raggiunto ieri un accordo con Croce Italia mettendo a disposizione dei volontari, a titolo gratuito, alcune Renault Zoe full electric di Corrente per consentire all’associazione di gestire meglio la propria complessa ed importante attività in questo periodo di emergenza.  Anche Croce Italia è impegnata nel servizio di consegna farmaci ospedalieri della Ausl Città di Bologna e nel servizio consegna spesa con Lepida nell’ambito del piano M.A.I.S. – Monitoraggio Anziani in Solitudine del Comune di Bologna.

Le auto elettriche da oggi vengono, pertanto, utilizzate dai volontari dell’associazione per recapitare spesa e farmaci alle persone più fragili, a cominciare dagli anziani soli. Croce Italia si occupa, poi, assieme ad altre Pubbliche Assistenze, dell’attività di “termo scan” all’aeroporto Marconi. I volontari ora possono contare sulle vetture elettriche anche per questa attività.

“Molti dei nostri volontari sono giovani. Tanti sono anche studenti fuori sede, ora rimasti a Bologna per questo periodo di emergenza – spiega Giovanna Lobello, Presidente della Pubblica Assistenza Croce ItaliaMolti di loro sono utilizzatori abituali di Corrente. La impiegano solitamente anche per raggiungere la nostra sede associativa. La sospensione (a causa del DPCM) del servizio di car sharing aveva creato a molti il problema di come raggiungere la nostra sede per prendere servizio. Grazie a Corrente ora potremo mettere a disposizione queste vetture ai giovani volontari in servizio. Ci serviranno poi per le consegne, soprattutto in centro storico dove le auto elettriche si muovono liberamente. E’ un rafforzamento prezioso della nostra disponibilità di mezzi che in questo momento ci sarà di grande utilità”.

“Tper è una azienda della mobilità ma soprattutto è una realtà fortemente legata al proprio territorio – sottolinea Giuseppina Gualtieri, Presidente e AD di Tper spaPoter collaborare con il Comune di Bologna e con il prezioso tessuto del volontariato ci riempie di gioia. Esattamente come facciamo ogni giorno grazie alla professionalità del nostro personale che sta assicurando il servizio di trasporto pubblico, anche in questo caso cerchiamo di dare un contributo, di fare ciò che possiamo. Perché “noi ci siamo” è l’hashtag che stiamo usando in questi giorni di emergenza e cerchiamo di dimostrarlo con fatti concreti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: