Anche nella giornata di ieri, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bologna sono stati costretti a denunciare una cinquantina di persone, in aumento rispetto alla giornata precedente, per non aver rispettato le misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale. Purtroppo, tra le persone denunciate, ci sono anche studenti appena maggiorenni e diversi anziani, quasi tutti incensurati, ma dall’atteggiamento superficiale, che dovranno rispondere di “Inosservanza dei provvedimenti”, Art. 650 del codice penale.

Tra i casi più clamorosi che si sono trovati ad affrontare i Carabinieri dell’Organizzazione Territoriale del Comando Provinciale Carabinieri di Bologna (Compagnie Carabinieri di: Imola, San Lazzaro di Savena, Molinella, San Giovanni in Persiceto, Borgo Panigale, Bologna Centro e Vergato), citiamo i sei ragazzi denunciati nella tarda serata di ieri a Minerbio (BO), perché sorpresi dai Carabinieri della Stazione di Minerbio (BO) mentre si stavano facendo una “birretta” all’aperto, seduti ai tavolini di un circolo sociale, regolarmente chiuso.

A Bologna, invece, i Carabinieri della Stazione Bologna Navile hanno denunciato la “Mamma” degli spacciatori di eroina che controllano il traffico di droga nel rione “Bolognina”. La donna, nigeriana, residente in un altro comune della Provincia di Bologna, è conosciuta negli ambienti della malavita perché accudisce gli spacciatori, portandogli da mangiare o fornendogli altri beni di “prima necessità”. I militari l’hanno identificata mentre si trovava in compagnia di un altro nigeriano residente a Ferrara. I due stranieri, controllati in via Alessandro Tiarini, erano sprovvisti di qualsiasi giustificazione attinente agli spostamenti. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: