Bologna, affitto a canoni concordati: in casi particolari potrà essere al di sotto del minimo previsto dall’accordo del 2017

Bologna, affitto a canoni concordati: in casi particolari potrà essere al di sotto del minimo previsto dall’accordo del 2017

Nei giorni scorsi le organizzazioni sindacali provinciali degli inquilini (Sunia, Sicet, Uniat, Conia, Feder-Casa) e dei proprietari (Asppi, Uppi, Confabitare, Aipi-Assoproprietari, Appc, Unioncasa, Ape-Confedilizia, Fond-Ceur, Coop Nuovo Mondo) hanno sottoscritto l’integrazione all’accordo territoriale dei canoni concordati per il territorio metropolitano di Bologna. L’integrazione prevede la possibilità, in caso di rinegoziazione dei canoni di locazione e in particolari condizioni di natura oggettiva e/o straordinaria, di poter stabilire il nuovo canone anche al di sotto del minimo previsto nell’accordo del 2017.

“Questo accordo – ha dichiarato Luca Lelli, consigliere metropolitano delegato alle politiche per la Casa – si inserisce nel quadro di azioni che stiamo cercando di mettere tempestivamente in campo per far fronte all’emergenza. Ringrazio le associazioni di categoria dei proprietari e degli inquilini e i sindacati il cui supporto è fondamentale in questa fase. La prossima settimana faremo un nuovo incontro per esaminare insieme alcune proposte che sono recentemente giunte dai sindacati.”

L’accordo integrativo è pubblicato sull’Albo pretorio della Città metropolitana dal 20/04/2020 al 04/05/2020.
La documentazione è scaricabile dal portale della Città metropolitana di Bologna.
www.cittametropolitana.bo.it/urp/Albo_Pretorio/Pubblicazioni_in_corso/Atti_di_altri_enti_avvisi_diversi

redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: